A: Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte

Difendiamo la libertà di espressione

Signor Presidente,

siamo cittadine e cittadini preoccupati per la serie di intimidazioni che alcuni esponenti del suo governo stanno rivolgendo a giornalisti, scrittori e professionisti dell'informazione perché critici verso le loro politiche.

Le rivolgiamo un appello affinché si pronunci in modo fermo in difesa della libertà di espressione e manifestazione del pensiero, del diritto di cronaca, di critica e di satira, principi fondanti della nostra Repubblica e della nostra democrazia.

Anziché rispondere in modo aperto alle critiche e alle inchieste giornalistiche che li riguardano, questi ministri lanciano intimidazioni a chi dissente, tradendo lo stesso mandato delle istituzioni che rappresentano.

Perché è importante?

Ogni tentativo di attaccare, delegittimare e intimidire chi dissente dalle politiche di un governo indebolisce le istituzioni e con esse la coesione sociale, portandoci verso derive autoritarie che gli italiani non vogliono tornare a vivere.

Citiamo, a questo proposito, le prime righe dell'Articolo 21 della Costituzione italiana: “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure”.

Anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha ricordato "l'importanza primaria della libertà di informazione, un diritto fondamentale tutelato dalla Costituzione".

Se il governo da lei presieduto consente a un ministro di minacciare giornalisti o editori noti, che hanno risorse e mezzi per difendersi, che cosa accadrà ai tanti giornalisti che non godono delle stesse possibilità?

Nelle classifiche internazionali della libertà di informazione l'Italia già occupa una posizione non degna di un paese democratico. Non facciamo altri passi indietro, difendiamo la libertà di espressione!


Motivi per firmare

  • Credo in tutte le libertà !!
  • Condivido in pieno gli scopi dichiarati
  • Perché senza la stampa libera non avrei saputo che la Polizia ha fermato una sessantenne che fischiava Salvini!

Aggiornamenti

2018-11-14 18:04:33 +0100

https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net/v/t1.0-9/46063587_1023915617780716_3467708516926488576_o.jpg?_nc_cat=105&_nc_ht=scontent-mxp1-1.xx&oh=2133a57ce8028ad866cb0e7f0126ed22&oe=5C6BB0C9

https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net/v/t1.0-9/46098205_1023976027774675_1694097120593707008_n.jpg?_nc_cat=103&_nc_ht=scontent-mxp1-1.xx&oh=0a696b2c04fe44b1c9a0e828f76d4981&oe=5C6FD084

2018-11-13 17:56:09 +0100

Libertà di stampa, giornalisti in piazza. Conte sugli attacchi: "Lessico eccessivo, ma ci sta"
https://www.repubblica.it/politica/2018/11/13/news/giornalisti_agcom_attacchi_a_stampa_ledono_la_liberta_-211536762

2018-11-12 15:44:09 +0100

Ecco le piazze dove si terranno le manifestazion di martedì 13 novembre 2018, dalle 12 alle 13 "Giù le mani dell'informazione".

A Roma l'appuntamento è in piazza dei Santi Apostoli.
A Milano in via Vivaio, angolo corso Monforte.
Ad Ancona in piazza del Plebiscito.
(Aosta in via di definizione).
A Bari in piazza Libertà.
A Bologna in via IV novembre.
A Bolzano in piazza del Grano.
A Cagliari in piazza Palazzo.
A Campobasso in piazza Municipio.
A Firenze in via Cavour.
A Genova, dalle 17.30 alle 18.30, in largo Lanfranco.
A Napoli in piazza del Plebiscito.
A Palermo in piazza Verdi, davanti al Teatro Massimo.
A Perugia in piazza Italia.
A Pescara in piazza Italia.
A Potenza in via Mazzini.
A Reggio Calabria in piazza Italia.
A Torino in piazza Castello, sotto i portici della prefettura.
A Trieste in piazza Unità d'Italia.
A Venezia davanti la sede del Tribunale, in piazzale Roma.

2018-11-12 11:24:52 +0100

Scarica qui la locandina A3 per la manifestazione "Giù le mani dall'informazione" https://bit.ly/2RQe4LY

2018-11-12 11:12:13 +0100

Mobilitazione FNSI "Giù le mani dall'informazione" http://www.fnsi.it/giu-le-mani-dallinformazione-il-13-novembre-flash-mob-nei-capoluoghi-di-regione

2018-10-08 16:12:48 +0200

Abbiamo raggiunto 10,000 firme

2018-07-26 15:03:19 +0200

Abbiamo raggiunto 5,000 firme

2018-07-25 08:36:49 +0200

Abbiamo raggiunto 1,000 firme

2018-07-25 07:57:23 +0200

Abbiamo raggiunto 500 firme

2018-07-25 07:25:01 +0200

Abbiamo raggiunto 100 firme

2018-07-25 07:19:44 +0200

Abbiamo raggiunto 50 firme

2018-07-22 23:11:55 +0200

Abbiamo raggiunto 25 firme

2018-07-22 19:41:02 +0200

Abbiamo raggiunto 10 firme